Laboratorio di Ricamo e Sartoria

Progetto ed elaborato grafico per la fase esecutiva

Il pellicano, il pavone e la fenice. L'Eucaristia essendo l'azione liturgica per eccellenza è il culmine e la fonte, poichè, con la grazia comune agli altri sacramenti, essa sola contiene anche il datore della grazia, Cristo Signore. L'immagine del Pellicano èlegata alla leggenda che racconta come questo animale si beccasse il petto per irrorare di sangue i suoi piccoli morti, ridando così a loro la vita; oppure (altra versione), li nutriva con il suo proprio sangue.

Casula con gallone ricamato parte davanti

«O pio Pellicano, Gesù Signore, monda con il tuo sangue me immondo, con una stilla del tuo sangue mi puoi salvare» cantava ne l'Adoro te devote, l'Aquinate. Figura quindi della carità di Cristo e della carità in genere. Richiama il sacrificio della croce.

Particolare del ricamo

Il Pellicano, simbolo abusato in passato, si riferisce all'immagine più pertinente dell'Agnello glorioso e ferito che versa il sangue nel calice (Cfr. LUCIANO BARTOLI, La chiave, Ed. LINT Trieste).

Stolone parte dietro

Il Pavone è un simbolo della risurrezione, perchè il suo piumaggio cade e si rinnova ogni anno; richiama pure l'incorruttibilità, perchè si credeva che le sue carni fossero imputrescibili. Alle volte simboleggia la primavera. Immagine del fedele, il quale, nella santità e nella giustizia, ignora la corruzione dei vizi. Della vigilanza e della contemplazione. Spesse volte si allude anche alla Fenice che è un simbolo pagano, figurato nei primi tempi dell'arte cristiana, come segno della risurrezione. Si credeva che, bruciando nel suo nido, risorgesse dopo tre giorni. Motivo di immortalità.

Particolare del ricamo

 

PAGINE CORRELATE

LINK

  • Ricordando fratel Ernesto Bergagna

    La chiesa di rito Cattolico prevede la presenza del presbiterio, al cui centro sta l'altare: su di esso si celebra la liturgia eucaristica della Messa.
    Su di esso si pone l'ostensorio per la solenne adorazione eucaristica.
    Le prescrizione delle norme liturgiche si attende che l'altare sia rivestito, durante le celebrazioni liturgiche, di una tovaglia, al fine di mettere in evidenza il suo carattere di mensa e anche il convito sacrificale.

    Pubblicazioni fra E.Bergagna

Pubblicazioni

Particolare della copertina di Arte Cristiana n. 853

Scuola Beato Angelico
Fondazione di Culto - dal 1921 tutto per la liturgia

via San Gimignano, 19

20146 Milano ITALY
(Metro1, fermata BANDE NERE)

TELEFONO:

Tel: (+39) 02 48302857

Fax: (+39) 02 48301954

E-post: info@scuolabeatoangelico.it