Notiziario anno 2014

Suor Giovanna Noé Celebrazione eucaristica, Esequie.
La testimonianza di una consorella
Milano 29 agosto, 2014.
Suor Giovanna ci ha lasciati, come altre consorelle e confratelli prima di lei. Secondo il sentire umano siamo tristi per questa nuova partenza ma ci rincuora e ci dà speranza la fede.
Nasce a Castano Primo (MI) il 4 marzo 1934. Entra nella Famiglia Beato Angelico il 5 gennaio 1957 dove il 20 giugno dello stesso anno inizia il periodo di Noviziato che si concluderà con la prima Professione Religiosa emessa nel Sabato Santo del 1959.

Suor Giovanna entra in Comunità portandovi quelle doti naturali proprie del genere femminile, richiesta dal Carisma della Famiglia Beato Angelico: sensibilità, buon gusto, precisione, amore alla Santa Liturgia e al canto, passione condivisa col fratello Don Paolo. Dal 1959 all'ottobre 1968 collabora nel laboratorio di ricamo e confezione. Nel 1971 consegue il Diploma di Maestro d'Arte; nel 1973 la Maturità di Arte Applicata con specializzazione in architettura; quindi, negli anni 1973-78 dà il suo contributo nel laboratorio di architettura. Sostiene gli esami di abilitazione per l'insegnamento del disegno nell'Istituto d'Arte Beato Angelico. Dagli anni 1979-80 opera per un certo tempo anche nel campo del restauro pittorico-conservativo. Dal 1982 ha il compito di addetta alla sacrestia. In questo ambito, soprattutto, si svolge negli ultimi anni la prestazione di Suor Giovanna, con molta dedizione e cura. Per ultimo la malattia, il lungo e doloroso tempo passato con Gesù in croce. Il tempo più prezioso per sé e per la sua Comunità. Il Signore le doni di vedere presto il Suo Volto e trasformi in gioia eterna tutto ciò che ha compiuto con amore e dedizione nel suo lungo servizio.
(Suor Fulvia Colombo)

I tre nuovi Vescovi di Milano - I parati e le insegne episcopali della Scuola Milano 28 giugno, 2014.
La nomina da parte del Santo Padre di tre nuovi Vescovi all'Arcidiocesi di Milano ha rappresentato un dono e un motivo di gioia e di festa per tutta la comunità ambrosiana. Mons. Agnesi, Mons. Martinelli e Mons. Tremolada sono i tre nuovi pastori consacrati per le mani dell'Arcivescovo Angelo Scola in linea con quella catena della successione apostolica, saldamente ancorata alla roccia di Pietro che ci raggiunge e ci salda in un'unica Chiesa, il cui Spirito continua ad effondere la sua vitalità e i suoi carismi per renderla idonea alle sfide dei tempi e a varcare la soglia della speranza verso la pienezza del tempo.
«Non è affatto scontato riconoscere il legame storico - fatto da una catena ininterrotta di testimoni - che ci mantiene uniti ai primi chiamati da Gesù. Un legame più forte di quello della carne e del sangue, che ci rende membra dello stesso popolo nuovo generato dalla Pasqua di Gesù» (Omelia del Card. Scola, per l'Ordinazione dei nuovi Vescovi). Anche la Scuola con il suo apporto di lavoro e di dedizione ha contribuito a dare una veste a questa festa della Chiesa. Sono state realizzate le insegne episcopali dei Vescovi, pastorali, croci pettorali e anelli e, inoltre, il parato del Duomo per la celebrazione solenne.
Il segno/simbolo che è stato individuato e scelto dal Maestro per le sacre Cerimonie, Mons. Claudio Fontana, è risultato essere quello della PASSIFLORA, fiore della passione, duplice passione: amore e sacrificio. Una composizione modulare geometrica la cui base è il triangolo inscritto nella circonferenza che crea nella sua rotazione, tre, sei e dodici petali, insieme al rosso che richiama l'offerta fino al sangue. Così questi amici e testimoni di Cristo hanno inaugurato il loro ministero di pastori indossando una veste di gloria e insieme la promessa di fedeltà al loro Maestro e Signore fino alla morte.
Perchè - come ha espresso il nostro Cardinale alla fine della celebrazione - la bellezza sempre così necessaria resiste ed è unica a trascendere pur nelle avversità la realtà caduca in un anelito continuo di pienezza e di vita nuova:

«La bellezza genera gioia e senza gioia non si può vivere, essa resiste quando le prove sono tante nella nostra vita »

Premio Rosa Camuna 2014 conferito a Don Vincenzo Gatti
Milano 29 maggio, 2014.

Siamo lieti di comunicare agli amici della Scuola Beato Angelico che il nostro confratello sacerdote e Direttore, dott. in Sacra Liturgia, è stato insignito del premio della Regione Lombardia "Rosa Camuna", che riconosce pubblicamente l'impegno, l'operosità, la creatività e l'ingegno di coloro che si sono particolarmente distinti nel contribuire allo sviluppo sociale, culturale e sportivo della Lombardia.
Il ministro Roberto Maroni e le autorità presenti hanno sottolineato la dedizione e l'impegno di Don Vincenzo per l'opera di restauro e di conservazione del complesso monastico S.Pietro al Monte, sopra Civate (Lecco), abbazia benedettina del sec. XII.

Un patrimonio nazionale ricco di arte e di fede, riportato nella sua severa integrità e bellezza, grazie all'impegno iniziale del nostro Fondatore, Mons. Giuseppe Polvara, negli anni Venti del sec. scorso e, in seguito, da Don Vincenzo che ne ha sempre curato con passione e dedizione i restauri, architettonici e pittorici.
Sua è la Guida di S. Pietro al Monte, con l'originale lettura iconografica degli affreschi e dei rilievi in cotto. Ultimo intervento da lui curato è stato il restauro del prezioso ciborio e il rivestimento dell'altare, benedetto dal Card. Tettamanzi nel 2012.

La nostra Rivista ARTE CRISTIANA nella classe A ...

La Direzione della Rivista "Arte Cristiana", comunica:
... Agli amici, collaboratori e lettori che l'ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema Universitario della Ricerca)ha riconosciuto il valore scientifico della rivista Arte Cristiana nella classe A, in particolare per la storia dell'arte in quanto ha una lunga e consolidata tradizione e ha sempre mantenuto un comitato scientifico internazionale con presenze significative; "punto di riferimento per gli studiosi nel settore" con una significativa apertura internazionale ed ospita "contributi di spessore e interesse" di studiosi di diversi paesi.
E' inoltre indicizzata da Scopus. Ed ha tutti i requisiti per l'ammissibilità in classe A.

Seminario di LODI, esposizione suppellettile liturgica della Scuola
Lodi, Sacrestia del Seminario, gennaio 2014
In occasione delle giornate per l'aggiornamento del Clero, la Scuola, con la collaborazione degli amici dell'ALBA, è stata ospitata per un'esposizione dei suoi manufatti: paramenti, vasi sacri, sacra suppellettile ecc...
Tre giorni per uno scambio e un confronto con una realtà, quella diocesana, molto attenta a raggiungere l'efficienza nelle problematiche pastorali e oratoriali "ad gentes" e, noi ci auguriamo, sempre più nella "conversi ad Dominum!", dove la Liturgia è fonte e culmine.

Festa del BEATO ANGELICO,patrono degli artisti
18 febbraio, 2014 S. Messa presieduta da Mons. De Scalzi
Solenne celebrazione, con ampia partecipazione di presbiteri, ex allievi, amici e collaboratori della Scuola. Un incontro che diventa anche una festa, occasione aggregativa per esternare il sentimento di riconoscenza e di appartenenza ad una realtà, quella della Scuola Beato Angelico,che riconosce di essere un po' in tutti quelli che si dicono con Lei. Grazie della vostra partecipazione!!!

 

Pubblicazioni

Copertina di Arte Cristiana n. 842

Scuola Beato Angelico
Fondazione di Culto - dal 1921 tutto per la liturgia

via San Gimignano, 19

20146 Milano ITALY
(Metro1, fermata BANDE NERE)

TELEFONO:

Tel: (+39) 02 48302857

Fax: (+39) 02 48301954

E-post: info@scuolabeatoangelico.it